Raffrescatori evaporativi: efficaci, ecologici ed economici

EFFICACI – Unità pensate per vincere la sfida contro caldo estremo e avere ambienti confortevoli e affidabili, essenziali per il benessere, la produttività e la qualità della vita. L’effetto di raffrescamento ottenibile non può essere paragonato ad un sistema di condizionamento tradizionale ottenuto per mezzo di impianti che producono un effetto di raffreddamento utilizzando un fluido refrigerante. Il funzionamento dei raffrescatori evaporativi dipendono soprattutto: dalle condizioni di temperatura e u.r. dell’aria esterna, che viene trattata ed inviata all’interno dell’edificio; dal grado di saturazione ottenibile dalla macchina di raffrescamento utilizzata; maggiore è la capacità di saturazione, maggiore sarà il raffreddamento dell’aria in uscita dall’apparecchio verso il locale da raffrescare.

ECOLOGICI – Il raffrescamento sfrutta il principio naturale dell’evaporazione dell’acqua, senza alcun utilizzo di liquidi refrigeranti o gas dannosi per l’ambiente e senza sprechi di acqua ed energia elettrica. I raffrescatori evaporativi sono in grado di rinfrescare gli ambienti in modo del tutto ecologico e naturale, sfruttando il principio naturale dell’evaporazione, senza l’ausilio di liquidi refrigeranti e con ridotti consumi energetici e di acqua. L’apporto di energia elettrica necessario si limita infatti all’alimentazione di un normale ventilatore impiegato per creare il flusso d’aria. Impianti in grado di lavorare in modo ecologico e silenzioso, rendendolo più confortevole e più salubre l’ambiente, utilizzando semplicemente acqua: l’aria calda viene aspirata e passa attraverso filtri pregni d’acqua, detti pannelli evaporativi, che abbattono la temperatura e trattengono il pulviscolo. L’aria torna così all’ambiente rinfrescata e purificata in modo totalmente ecologico.

ECONOMICI – Costi di acquisto, installazione e gestione fino a 10 volte inferiori rispetto ai tradizionali impianti di climatizzazione, con un significativo risparmio in termini di acqua ed energia elettrica.

Lascia un commento